Sali Minerali

I sali minerali fanno parte della famiglia dei micronutrienti e sono formati da costituenti inorganici con compiti regolatori e plastici.

Nel corpo umano sono rintracciabili in forma solida o in soluzione all’interno dei liquidi organici. I sali minerali a loro volto si dividono in: macrocostituenti che raffigurano se non altro lo 0,01% del peso corporeo totale do ogni individuo, e in  microcostituenti che raffigurano meno dello 0,01% del peso corporeo di ogni individuo.

Fanno parte dei macrocostituenti: il calcio, il potassio, il cloro, il magnesio,il sodio e lo zolfo .

Mentre rappresentano i microcostituenti: il selenio, l’iodio, lo zinco, il ferro, il fluoro, il molibdeno, il manganese, , il cobalto, il cromo e il rame.

Infine sussiste un’altra tipologia di oligoelementi, chiamati minerali traccia, che si trovano in maniera davvero molto ridotta, quasi assente, sia nella nutrizione che nel corpo umano stesso.
Fra i minerali traccia troviamo: il nichel, l’arsenico, il vanadio, e il silicio.

Ma veniamo alla loro funzione.  I sali minerali sono presenti nell’organismo umano sia legati alle molecole organiche, sia in forma inorganica in due differenti stati:

allo stato solido: come cristalli, nelle ossa e nei denti;

in soluzione, sia in forma ionizzata che non-ionizzata, i minerali sono coinvolti quindi anche nella formazione organica di vitamine, ormoni ed enzimi. Realizzano una mansione di trasporto, di regolazione, di struttura e di controllo.

I sali minerali vengono assorbiti dal corpo, nel tratto dell’intestino tenue. Non si rischia di avere carenze, se si segue un’alimentazione sana, regolare, equilibrata, dove il consumo di frutta, verdura e legumi è sempre abbastanza elevato.

24 Commenti - Aggiungi Commento

Rispondi